Breve storia di Malacca Malesia – cinese, olandese, inglese, e influenze malesi

Posted on

Breve storia di Malacca Malesia - cinese, olandese, inglese, e influenze malesi

Oggi Malacca nella nazione della Malesia riflette la sua storia tumultuosa – una popolazione multirazziale di malesi, indiani e cinesi chiamano questa casa storica della città. Più in particolare, Peranakan e portoghese comunità ancora prosperano in Malacca, un ricordo della lunga esperienza dello stato con il commercio e la colonizzazione.

fondatore di Malacca, l’ex-pirata principe Parameswara, è stato detto di essere un discendente di Alessandro il Grande, ma è più probabile che egli era un rifugiato politico induista da Sumatra.

Secondo la leggenda, il principe stava riposando uno giorno sotto un albero di uva spina indiana (noto anche come Melaka). Mentre osservava uno dei suoi cani da caccia cercando di abbattere un cervo del mouse, gli venne in mente che il cervo condiviso una situazione simile alla sua: da solo, in esilio in terra straniera e circondato da nemici. Il mouse cervi quindi raggiunto l’improbabile e combattuto fuori il cane.

Parameswara ha deciso che il luogo dove era seduto è stato un anno propizio per le persone svantaggiate a trionfare, così ha deciso di costruire una casa sul posto.

Malacca ha effettivamente rivelarsi un luogo favorevole per fondare una città, grazie alla sua porto riparato, la sua abbondanza d’acqua e la sua posizione privilegiata rispetto ai flussi commerciali e dei monsoni vento regionali.

Melaka e il cinese

Nel 1405 un ambasciatore del Ming dell’impero cinese, l’ammiraglio Cheng Ho eunuco (o Zheng He), navigato nel porto con un enorme flotta di gigantesche navi mercantili. Ho iniziato un partenariato commerciale reciprocamente vantaggioso, che alla fine è culminata in Malacca accettando di diventare un regno cliente dei cinesi in cambio di protezione contro il siamese.

Dopo la sua adozione dell’Islam nel 15 ° secolo e la conversione in un sultanato, la città ha iniziato ad attirare i commercianti dal Medio Oriente, ingrossare le fila di coloro che già arriva da ogni nazione marinara in Asia.

Malacca e gli europei

Poco dopo, gli occhi avidi delle potenze navali europei emergenti cadde sulla piccola nazione ricca. Il portoghese, arrivato nel 1509, sono stati in un primo momento accolto come partner commerciali, ma poi espulso quando i loro disegni sul paese è diventato evidente.

Seccata per essere stato respinto, il portoghese è tornato due anni più tardi, prese la città e poi ha tentato di trasformarla in una fortezza inespugnabile, irta di settanta cannoni e dotato di tutte le più recenti tecnologie di guerra anti-assedio. Questi, tuttavia, si è rivelata insufficiente per tenere fuori gli olandesi, che ha fame la città nella presentazione nel 1641 dopo un assedio di sei mesi, durante il quale i residenti sono stati ridotti a mangiare i gatti, poi ratti e poi finalmente l’un l’altro.

Quando l’Olanda fu invasa dai francesi nelle guerre napoleoniche, il principe olandese di Orange ha ordinato tutti i suoi possedimenti d’oltremare di arrendersi agli inglesi.

Dopo le guerre finirono gli inglesi consegnato Malacca nuovo alla olandese, poi poco dopo è riuscito a riconquistare la città scambiando una delle loro colonie di Sumatra per esso. A parte una breve permanenza in carica dai giapponesi durante WW2, la città rimase in mani britanniche fino Malesia ha dichiarato l’indipendenza, qui a Malacca, nel 1957.

Malacca Oggi

Tutti questi operatori disparate e gli invasori matrimoni misti, con conseguente diversità etnica e culturale, che ora fanno Malacca un patrimonio mondiale dell’UNESCO, un luogo così affascinante da visitare e anche, per i partner non-culturalmente curiosi dei tanti appassionati di cultura che affollano la città, anche una deliziosa quella in cui mangiare.

Si ottiene un senso di un’epoca quainter come si snodano intorno alle vecchie strade, un’epoca in cui signori indossavano tute bianche e caschi midollo e vivacemente oscillato rattan bastoni mentre si dirigevano al loro club per un bicchierino di gin. Le canne di rattan spesso oscillato un po ‘meno stabilmente sulla strada di casa, i loro proprietari dopo aver goduto di una misura o due in più rispetto sobrietà consentito – questi sono stati, però, facilmente giustificati in quanto essenziali per la salute, a causa delle proprietà presumibilmente profilattiche del gin.